Folklore dei pescatori della provincia di Trapani

LA PESCA E I PESCATORI

Introduzione
Le barche

Le reti
Tipi di Pesca

Usi e Costumi
La tonnara


Il Museo del Mare
Il Porto
 

 







Le reti

Castellammare del Golfo - RetiUno spettacolo veramente suggestivo attira ora il nostro sguardo: sul lungomare sono ad asciugare le reti, bagnate per la pesca della notte, ed i pescatori, aiutandosi letteralmente con le mani e coi piedi (tendono infatti una estremità del tratto di rete da rammendare con la mano sinistra e l'altra tra l'alluce e il dito contiguo d'uno dei due piedi), "sarcinu" le reti, rifanno cioè le maglie strappate accidentalmente durante la pesca.

Mentre "l' avugghia di sarciri" (1) mette su nodi e maglie, i pescatori fanno previsioni sul tempo e sulla pesca e raccontano barzellette o si lanciano motti scherzosi.

Frattanto la rete si asciuga. 
Ora i pescatori si accingono a portarla sulla barca: un primo pescatore, cominciando da una punta, ne va facendo delle spire che, una dopo l'altra, carica sulle spalle e appena il carico per lui si fa pesante -dato che il piombo ("vajani") corona uno dei lati lunghi della rete- si avanza il secondo, che, ponendosi davanti al primo, ripete l'operazione descritta; e così il terzo, il quarto, sino (per il "cianciolu") al decimo. 
Poi tutti insieme, in fila indiana, fanno strada verso l'imbarcazione: e sembrano un mostruoso verme con numerose gobbe di colore fulvo e un numero doppio di zampe, che si avvii pesantemente verso il mare luminosamente bello...
Giunti vicino alla barca, i pescatori depongono a terra la rete e si accingono ad ""ammasarla". 
"Ammasare" significa predisporre sulla barca la rete in tante spire concentriche, in modo da poterla mettere in mare, al momento opportuno, nel più agevole dei modi.

Tutte le operazioni che i pescatori compiono hanno una invocazione per la divinità; ma particolarmente quando si "ammasa" si seguono delle prescrizioni che hanno la solennità di un rito. 
Castellammare del Golfo - Pescatori al lavoro E certo, nell' animo del pescatore in continuo contatto col pericolo, vive il desiderio ed insieme la fede di potersi mantenere propizia la divinità, la cui ira egli crede di potere scongiurare specie con la propria purezza.

Uno dei pescatori sale sulla barca, gli altri restano a terra e gli van porgendo la rete da "ammasare". 
Si comincia "a nnomu di lu Patri" e l'operazione procede in silenzio: guai se sfugge una bestemmia !  E' come se uno spirito maligno si introducesse nella rete, che bisognerebbe quindi rimettere a terra ed "ammasare" di nuovo, cominciando ancora "cu 'na santa paci" , "a nnomu di lu Patri" : questo avviene anche se per caso qualcuno scavalca la rete durante la stessa operazione. 

Alla domanda che ho rivolto ad un pescatore del perché di questa interdizione, mi rispose con un'altra domanda:
"Vossia ci passassi supra 'nà tavula cunzata ?" E voleva dire che in entrambe c'è Dio.
Castellammare del Golfo - Reti Senza l' osservanza di queste prescrizioni, la pesca sarebbe scarsissima e potrebbero capitare delle disgrazie.(2)

Mentre si "ammasa", di cattivo augurio è considerato il raglio dell' asino o il pianto d'un bambino.(3)

La rete è ormai pronta sulla barca e i pescatori, stanchi del lavoro della notte, di "sarciri" e di "ammasari", vanno a riposare. 
Mezzogiorno è già suonato.

 

 

 

Note:

(1) - L'ago da sarcitura. Di canna, di legno, e più raramente d'osso o di metallo, è della lunghezza di circa 15 cm. e della larghezza di 1 cm. o poco più. Ha alle estremità, nel senso della lunghezza, due spacchi di circa 3 cm tra cui è avvolto il filo, che si va svolgendo man mano che si rifanno le maglie. Ha la forma di un esagono molto allungato, poichè quattro dei lati, costituenti le due estremità dell'ago, hanno quasi la lunghezza degli spacchi.

(2) -  L'interdizione di scavalcare le reti, per gli stessi motivi, vige tra pescatori della Grecia. (Cfr. Sebiliot - Le Folk-lore des pecheurs - Paris, Maisonneuve, 1901, pag.87.

(2) - Lo stesso mentre si parte per la pesca.  

:: Informazioni su questa sezione del sito::

Testi da: Folklore dei pescatori della provincia di Trapani. del Prof. Francesco Leone (Tesi del 1949 - 50)

Realizzazione Elimo's Valley

Aggiornamento:

23/05/2004


:: Novelline Marinaresche::


Lu mirruzzu di Cala Mancina

Un piscaturi s'avia a maritari, e allura và nna lu parrinu pi cunfissarisi.
Lu parrinu ci addumannau si sapia li cosi di Diu e, siccomu 'un li sapia, 'un ni lu vosi assorviri.
Mischinu, a ddu piscaturi 'un ci nni putia cunortu !
Sinu a quannu ci addumannavanu di nassi o di tartaruna o di palangaru, macari cocchi cosa ci l'avissi rittu ... ma nna la coppula di lu Patreternu (1), cu si cci avia 'nfilatu mai !
Basta.
 A la notti ju a palangaru a Cala Mancina (2) e piscau un mirruzzu chi ci vulianu occhi a taliallu (3).
Allura ci vinni 'na bella pinzata.
Appena agghiurnau pigghia ddu mirruzzu e ci lu porta a lu cunfissuri.
Chiddu, virennu dda 'razia di Diu, chi pensu ch' 'un n'avia vistu mai accussì beddu, a lu piscaturi lu fici trasiri e finarmenti ci retti l'assoluzioni.
Quannu lu piscaturi nisciu e ci rissi a l'amici chi lu parrinu l'avia cunfissatu, chiddi ci addumannaru:
- Comu ? nna 'na notti ti li nzignasti tutti li cosi di Diu ?
E chiddu ci arrispunniu:
- Amici vi lu ricu 'ncunfirenza:
"Lu mirruzzu di Cala Mancina
'nzigna la duttrina cristiana !" (4)

Lu sirciarotu tirrazzanu (5)

Un sirciarotu tirrazzanu vitti 'na vota un piscaturi chi cu 'na friscina pigghiava sicci comu li parati. 
E vosi fari lu stissu. Si livau li scarpuna 'ncritati (6), pigghau 'na friscina e si nfilau nall'acqua. 
E subitu cuntentu jittau 'na vuci:
- A nnomu di lu Patri, ch'è la prima siccia e 'n'autra ni veni di lu fora !
- E zzac ! 'na 'ran friscinata chi lu fici annarvuliari (7):
 e ddu mari s'inchiu di sangu e iddu jittava vuci comu un viteddu scannatu:
lu sirciarotu tirrazzanu 'un s'avia addunatu (8) chi li sicci eranu li so' peri ...

(1) - "Nna la coppula di lu Patreternu": nei misteri della religione.
(2) - Cala vicino Capo S. Vito.
(3) - Esporessione che vale meraviglioso.
(4) - Motto proverbiale
(5) - Il balestratese contadino
(6) - Piene di fango
(7) - Traballare
(8) - Non se n'era accorto

 



  copyright CastellammareOnline - © 2009 - 10 Elimo's Valley - All rights reserved.